Immagini ASL Brescia
Siete in: > ASL Brescia > Cittadini > Famiglia > L'Assistenza sanitaria > Ticket ed Esenzioni > Domande e risposte frequenti sulle esenzioni per età e reddito

Cerca nel sito


Oppure consulta l'indice alfabetico dei contenuti:
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Non hai trovato le informazioni che cercavi o hai trovato un dato non corretto? Segnalacelo >

Domande e risposte frequenti sulle esenzioni per età e reddito

 

Differenze tra esenzione valida in regione ed esenzione valida su tutto il territorio nazionale
La gran parte di esenzioni correlate al reddito ha uguale applicazione a livello nazionale, ma è demandata ad ogni regione la possibilità di normare in modo autonomo alcune forme. La Regione Lombardia ha ampliato il diritto alle esenzioni per alcune categorie di persone:

  • per i cittadini di età superiore a sessantacinque anni la Regione Lombardia ha introdotto una ulteriore fascia di reddito, rispetto a quella prevista a livello nazionale che prevede il tetto di 36.151,98) per la quale l'assistito fruisce della esenzione per la specialistica ambulatoriale: cittadini ultra 65enni appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con il reddito complessivo compreso tra 36.151,98 euro e 38.500,00 euro;
  • Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, sono esenti in Regione Lombardia anche per la spesa farmaceutica, oltreché per la specialistica ambulatoriale;
  • Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con un reddito complessivo superiore a 8.263,31 euro  (e non solo per reddito inferiore a 8.263,31), esenti  in regione Lombardia sia per la specialistica che farmaceutica;
  • i lavoratori in mobilità, in cassa integrazione straordinaria e in deroga (e loro famigliari a carico) sono esenti in regione Lombardia senza limiti di reddito;
  • i soggetti minori di anni 14  sono esenti sia per  la specialistica ambulatoriale che per la farmaceutica, indipendentemente dal reddito (la normativa nazionale prevede l'esenzione fino ai  6 anni  e con  tetto di reddito complessivo non  superiore a € 36.151,98 solo per la specialistica);
  • i Titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni – e loro familiari a carico – con reddito familiare fiscale inferiore a 8.263,31 euro, sono esenti in Lombardia oltre che per la specialistica ambulatoriale, anche per la farmaceutica.

Quali sono i requisiti per avere l'esenzione dal pagamento del ticket?
I requisiti necessari per i cittadini iscritti al Servizio Sanitario Regionale per ottenere l'esenzione dal pagamento del ticket per le prestazioni specialistiche sono riassunti nella tabella seguente che riporta, per ciascuna categoria di esenzione correlata al reddito e all'età, le nuove codifiche e, per ciascuna condizione,  la possibilità di applicazione (utilizzo) in ambito regionale e/o nazionale.

NUOVA CODIFICA REGIONALE

Codice esenzione e provenienza

Descrizione Codice Esenzione

 

Validità del Codice in ambito specialistica

Validità del Codice in ambito farmaceutica

 

E01

 

Cittadini di età inferiore a 6 anni o superiore a sessantacinque anni appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro

SI
Validità nazionale e regionale

 

NO
(non esenti)

E05

 

Cittadini di età superiore a sessantacinque anni appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con reddito complessivo compreso tra 36.151,98 euro e 38.500,00 euro

SI
Validità regionale

NO
(non esenti)

E02

 

 

Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico

SI
Validità nazionale e regionale

SI
Validità regionale

E12

 

 

Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con un reddito complessivo superiore a 8.263,31 euro, incrementato a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico e inferiore o pari a euro 27.000

SI
Validità regionale

SI
Validità regionale

E13

 

 

Lavoratore/trice in mobilità (DGR n.10804/2009) e loro familiari fiscalmente a carico, che percepiscano una retribuzione, comprensiva dell'integrazione salariale o indennità, non superiore ai massimali previsti dalla Circolare dell'INPS n. 20 del 08/02/2012

SI
Validità regionale

SI
Validità regionale

Lavoratore/trice in cassa integrazione straordinaria (DGR n. 10804/2009) e loro familiari fiscalmente a carico, che percepiscano una retribuzione, comprensiva dell'integrazione salariale o indennità, non superiore ai massimali previsti dalla Circolare dell'INPS n. 20 del 08/02/2012

SI
Validità regionale

SI
Validità regionale

Lavoratore/trice in cassa integrazione in deroga (DGR n. 10804/2009) e loro familiari fiscalmente a carico, che percepiscano una retribuzione, comprensiva dell'integrazione salariale o indennità, non superiore ai massimali previsti dalla Circolare dell'INPS n. 20 del 08/02/2012

SI
Validità regionale

SI
Validità regionale

E011

 

Soggetti minori di anni 14anni indipendentemente dal reddito

SI
Validità regionale

SI
Validità regionale

E04

 

 

Titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni – e loro familiari fiscalmente a carico – con reddito familiare fiscale inferiore a 8.263,31 euro incrementato a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico

SI
Validità nazionale e regionale

SI
Validità regionale

E03

 

 

Titolari di pensione sociali e loro familiari a carico

SI
Validità nazionale e regionale

SI*
Validità regionale

*a partire dal 1 gennaio 2012, la validità del codice E03 garantisce, sia per i titolari di pensione sociale che per i familiari fiscalmente a carico, l'esenzione per la farmaceutica a livello regionale.

E' sufficiente aver compiuto 65 anni per avere diritto all'esenzione?
No, non è sufficiente. Il cittadino con più di 65 anni di età ha diritto all'esenzione dal pagamento del ticket in base alle condizioni di reddito se appartiene ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 38.500,00 (tale soglia vale solo in Lombardia perché Regione ha esteso il valore soglia che nel resto d'Italia è più basso, ossia € 36.151,98).

Il cittadino con pensione di reversibilità ha diritto all'esenzione dal ticket in base al reddito?
Il cittadino con pensione di reversibilità ha diritto all'esenzione se il reddito del nucleo familiare rientra nei limiti previsti e se supera i 65 anni.

Che cosa vuol dire pensione al minimo?
La pensione al minimo è identificabile sul mod. O Bis M dell'INPS che riporta la dicitura "integrata al trattamento minimo".

Come compilare il modulo dell'autocertificazione?
Ogni modulo di autocertificazione è scaricabile dal sito ASL www.aslbrescia.it, dall'apposito banner esenzioni dal ticket per età e per reddito. Il retro del modulo contiene tutte le istruzioni necessarie alla compilazione.

Cosa si intende per nucleo familiare fiscale?
Ai fini della applicazione delle nuove disposizioni per esenzione per reddito dalla spesa sanitaria, il nucleo familiare da considerare è il nucleo familiare fiscale e non quello anagrafico.
Il nucleo familiare fiscale è costituito da:

  • interessato
  • coniuge non legalmente ed effettivamente separato
  • altri familiari a carico.

Per familiare a carico si considerano i familiari per i quali l'interessato gode di detrazioni fiscali in quanto il loro reddito è inferiore a € 2.840,51 (cosiddetti "altri familiari a carico"):

  • il coniuge legalmente ed effettivamente separato
  • i discendenti dei figli
  • i genitori e gli ascendenti prossimi, anche naturali
  • i genitori adottivii
  • generi e le nuore
  • il suocero e la suocerai
  • fratelli e le sorelle, anche unilaterali

N.B. Tutti i soggetti, pur conviventi, che dispongono di redditi propri per un importo superiore a € 2.840,51, costituiscono, con l'eccezione del coniuge, nuclei familiari autonomi.

Come va calcolato il reddito complessivo del nucleo familiare?
Il reddito complessivo ai fini dell'esenzione è la somma di tutti i redditi del nucleo familiare.
Si considera quindi il reddito:

  • del capo famiglia,
  • del coniuge (indipendentemente dall'entità del reddito)
  • dei figli (se inferiore a € 2.840,51)
  • altri familiari a carico (se inferiore a € 2.840,51)

Il reddito è rilevabile dai seguenti modelli:

  • mod. CUD: parte B dati fiscali, somma degli importi di cui ai punti 1 e 2 più l'eventuale rendita catastale rivalutata del 5% dell'eventuale abitazione principale e relative pertinenze (box, cantina, ecc.) in possesso;
  • mod. 730: prospetto di liquidazione mod. 730-3 importo di cui al rigo 11;
  • mod. UNICO: quadro RN, importo di cui al rigo RN1.

Come posso sapere qual è il reddito dell'anno precedente se non è stata ancora presentata la dichiarazione?
Nei primi mesi dell'anno, quando non si è ancora in possesso di informazioni documentate sul reddito percepito nell'anno precedente, si dovrà compilare l'autocertificazione sulla base del reddito che si valuta di avere effettivamente percepito, anche basandosi sulla precedente dichiarazione dei redditi, se la situazione non è modificata. Non appena in possesso della documentazione necessaria, si dovrà verificare se il proprio reddito rientra nei limiti previsti. Nel caso in cui questi limiti siano superati, si dovrà immediatamente darne comunicazione alla ASL, pagare gli eventuali ticket non versati e chiedere la revoca del diritto di esenzione.

Qualora il cittadino non abbia ricevuto l'attestato di esenzione del ticket in base al reddito cosa deve fare?
Per ottenere l'attestazione di esenzione dal pagamento ticket, l'assistito, nel caso sia in possesso dei requisiti, deve effettuare un'autocertificazione presentandosi presso gli sportelli di Scelta e Revoca della propria ASL, consapevole che la dichiarazione è soggetta a verifiche ed alle responsabilità penali che insorgono qualora la dichiarazione non sia veritiera.

Per la richiesta di autocertificazione di esenzione ci si deve rivolgere solo presso l'ASL di residenza?
Per effettuare la richiesta di autocertificazione ci si deve rivolgere alla propria ASL di assistenza, dove è stata effettuata la scelta del medico di famiglia. E' necessario presentarsi al Distretto muniti di Carta Regionale dei Servizi e copia di documento di identità.

L'autocertificazione può essere presentata solo dall'interessato?
L'autocertificazione compilata unitamente alla carta regionale dei servizi ed alla copia del documento di identità dell'assistito, possono essere presentate allo sportello di scelta e revoca/esenzione ticket anche da un familiare o conoscente incaricato, senza alcuna delega.

Esenzioni per invalidità ed esenzioni per reddito possono coesistere?
Non c'è incompatibilità a priori tra esenzione per invalidità/patologia ed esenzione per le condizioni di reddito e, quando sussistono i requisiti, possono coesistere entrambe le esenzioni.
Se l'esenzione per invalidità è estesa a tutte le visite ed esami, il certificato di esenzione in base alle condizioni di reddito non aggiunge alcun ulteriore beneficio.
E' utile chiedere anche l'esenzione per le condizioni di reddito, invece, quando l'esenzione per invalidità dà diritto ad esenzione solo per le visite/esami collegati alla specifica invalidità, così come avviene per l'esenzione per patologia.

Che cosa si deve fare se nel corso dell'anno non si hanno più i requisiti per l'esenzione?
Se nel corso dell'anno vengono meno i requisiti che danno diritto all'esenzione (ad esempio la persona disoccupata ha trovato un'occupazione o ha superato i valori di soglia reddituali), occorre darne immediata comunicazione alla ASL.
La comunicazione è obbligatoria e deve essere immediata, indipendente dalla scadenza dell'attestato, in quanto il soggetto che ha sottoscritto l'autocertificazione per ottenere l'esenzione dal pagamento del ticket si è impegnato formalmente a comunicare la cessazione delle condizioni richieste per il diritto all'esenzione.
Se invece la mancanza dei requisiti emerge dai controlli successivi effettuati dalla ASL, anche a distanza di anni, dovranno comunque essere versati tutti gli eventuali ticket indebitamente non pagati e il rilascio di dichiarazioni non vere senza una successiva rettifica è perseguibile penalmente in base all'art 76 del DPR 445/2000.

I lavoratori in mobilità, cassa integrazione straordinaria/deroga e i disoccupati devo presentare l'autocertificazione?
I lavoratori in mobilità, cassa integrazione straordinaria/in deroga (Cod. E13) e disoccupati (Cod. E02 e Cod. E12) possono continuare ad utilizzare la precedente esenzione con il codice a sei cifre sino al 31/12/2013 (o comunque fino alla scadenza del diritto).

Ultima modifica: 20/05/2013